I soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione di successione - successione ereditaria

Vai ai contenuti

Menu principale:

I soggetti obbligati alla presentazione della dichiarazione di successione

Ai sensi dell' art. 28 comma 2 del decreto legislativo n° 346 del 31 ottobre 1990 i soggetti che possono presentare la dichiarazione di successione sono i seguenti:
                        
- chiamati  all' eredità sia per legge che per testamento o i loro rappresentanti  legali, anche se non hanno ancora accettato l' eredità sempre che non vi  abbiano gia rinunciato.
                        
Soggetti  che per ereditano per legge (parenti) o per testamento (altri soggetti) a  titolo universale, cioè che ereditano dei beni senza una distinzione  specifica del bene.
                        
- I legatari o loro rappresentanti legali
                        
Il  legato si distingue dall' eredità vera e propria perché a differenza di  quest' ultima ha per oggetto un bene determinato e non una quota del  patrimonio del de cuius. Il legato dunque per essere tale deve essere  esplicitamente ed inequivocabilmente distinto. Può fare parte del legato  un immobile, denaro, gioielli ecc. Il de cuius quindi nel testamento  deve evidenziare quale bene fa parte del legato in modo che l' avente  diritto possa senza ombra di dubbio identificare il bene. Se il de cuius  possiede ad esempio tre case e una vorrebbe darla ad un legatario deve  dire con precisione quale di queste diventerà sua. Se vuoi approfondire  il discorso sui legatari fai clik su: .cos' è il legato e legatario  
                        
- Gli immessi nel possesso dei beni in caso di assenza o in caso di dichiarazione di morte presunta
                        
Se il de  cuius era nel possesso di un bene sia in mala fede che buona fede questo  diritto si trasmette ai suoi eredi. Facciamo distinzione tra possesso e  proprietà. In parole semplici, la proprietà si ha a seguito di un atto  pubblico (esempio l' acquisto), e il diritto all' uso della cosa si ha a  seguito di tale atto, mentre il possesso è un comportamento simile al  precedente però senza averne titolo, ossia per essersene semplicemente  impossessati.
                        
- Dagli amministratori dell' eredità
                        
Colui che  ha il potere e/o il dovere di amministrare l' eredità. Chi ha il potere  generalmente viene configurato nell' erede o eredi, mentre chi ha il  potere viene generalmente chiamato espressamente (es. tribunale). Figura  che normalmente può intervenire in caso di eredità giacente; la sua  funzione cessa al momento dell' accettazione dell' eredità da parte di  uno o più eredi o se ciò non avviene quando l' attivo ereditario viene  devoluto allo stato.
                        
- Dai curatori delle eredità giacenti
                        
Generalmente  questa figura compare in assenza di eredi legittimi o chiamati per  testamento, e quindi in caso che l' eredità sia giacente. Il curatore  dell' eredità viene nominato dal tribunale e ha il compito di  sostanzialmente di fare un inventario dell' eredità, amministrarla,  liquidare i beni previa autorizzazione del tribunale ecc. Casi perlomeno  rari in quanto quasi sempre in caso di eredità qualcuno si fa vivo.
                        
- Dagli esecutori testamentari
                        
In parole  semplici: Soggetto di fiducia del testatore, chiamato da quest' ultimo  affinche vengano rispettate le sue volontà indicate nel testamento.
                        
- Dai Trustee
                        
Figura  non molto nota in ambito italiano e più conosciuta nel mondo  anglosassone. Non mi dilungo a darne una spiegazione in quanto al  momento non lo ritengo importantissimo ai fini di questa guida. Ad ogni  modo per chi volesse approfondire consiglio una ricerca su google del  termine, appunto trustee.
                        
Tutti  questi soggetti possono delegare alla presentazione della dichiarazione  di successione una terza persona munita di delega e documento di  riconoscimento del soggetto obbligato a presentarla. nel caso che vi  siano più soggetti obbligati a presentare la dichiarazione di  successione, è sufficiente che uno solo di questi la presenti (art. 28 comma 4 del decreto legislativo n° 346 del 31 ottobre 1990).
 
Torna ai contenuti | Torna al menu